QUANDO SIETE AL LIMITE E PENSATE DI NON FARCELA RICORDATEVI CHE SOLO CON LE DIFFICOLTA’ SI HANNO SODDISFAZIONI, ALTRIMENTI CHE GUSTO CI SAREBBE. PIU’ DIFFICOLTA’ INCONTRERETE NELLA VITA E PIU’ SARETE FORTUNATI ! Sembra una teoria molto particolare vero? Allora leggete di seguito un’antica storia cabalista capirete immediatamente a cosa mi riferisco…

L’Inventapuzzle

C’era una volta un vecchio e gentile Inventapuzzle dotato di poteri magici. La sua gioia più grande nasceva dal creare bellissimi puzzle per i bambini che vivevano nel suo quartiere. Ma i suoi non erano puzzle normali. Avevano poteri magici: quando l’ultima tessera veniva inserita, le immagini irradiavano una luce intensa che colmava di gioia i bambini. Loro non dovevano fare altro che guardarle. Nulla di più. Era ancor meglio che mangiare diecimila biscotti o diecimila gelati.
Un bel giorno l’Inventapuzzle superò se stesso. Dipinse il suo quadro più bello servendosi di colori screziati di polvere di stelle e pennelli speciali con i manici d’oro. Era così entusiasta della sua creazione che decise di non spezzettarla nelle piccole tessere del puzzle: voleva che i bambini sperimentassero subito tutta la magia.
Quando finì di impacchettare il quadro entrò nel suo negozio un bambino, ansioso di vedere l’ultima creazione dell’Inventapuzzle. Entusiasta, l’uomo gli porse il quadro impacchettato. L’espressione luminosa del bambino sembrò svanire all’istante. Il suo viso si fece un po’ triste. Ovviamente qualcosa lo aveva deluso. L’Inventapuzzle gli chiese: « Che cosa c’è che non va? » Il bambino spiegò che il vero divertimento stava proprio nel ricostruire il puzzle. L’uomo capì subito e, con lo stesso amore e la stessa cura che aveva messo nel creare l’immagine, tagliò e spezzettò il quadro. Poi sparpagliò delicatamente le varie tessere nella scatola e infine diede ai bambini ciò che veramente desideravano più di ogni altra cosa: la gioia e la soddisfazione di assemblare da soli i puzzle magici.

Tree_of_Life,_Medieval